abbonati: Post | Commenti | Email

Dà da pensare.

0 comments

primarie-partito-democratico-2009-foto-seggi

…che non si faccia una primaria, una sola, per le candidature regionali – anche dove sarebbe possibile perché la primaria non ostacola candidature di coalizione – dà da pensare.
La concezione “primarista” può essere al limite abbandonata, o lo zelo primarista può essere smorzato, ma non dovrebbero essere abbandonati o smorzati stancamente, sotto silenzio. Si tratta di una parte importante delle statuto, e vale per la vita interna del partito ciò che vale per il Paese: se le leggi che esistono non sono rispettate crescono la sfiducia e il distacco dei cittadini e, nel caso del partito, dei militanti e simpatizzanti. L’idea delle primarie è stata un pezzo importante della costituzione materiale del PD. Se lo statuto è considerato troppo rigido, troppo complesso, in alcune parti addirittura inattuabile, lo si discuta esplicitamente. Anche i primaristi più convinti si rendono conto che non è facile una miscela tra una concezione di partito americana ed una europea; che l’appello agli elettori propri è difficile in un sistema pluripartitico, dove sono necessarie mediazioni e negoziazioni; che il rapporto tra elettori e iscritti per la nomina dei dirigenti va ricalibrato. Ma infischiarsi dello statuto, passare la cosa sotto silenzio, far finta di niente, non compromette solo la democrazia delle primarie, ma anche la vecchia democrazia associativa, quella degli iscritti.”

(Michele Salvati)

Leggi su FB tutta la relazione di Michele Salvati fatta a Cortona durante la riunione nazionale di Area Democratica

Segnala questo post anche su:

Technorati Tags: , , ,

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo