abbonati: Post | Commenti | Email

Volare/2

0 comments

A seguito di alcune preoccupanti segnalazioni di viaggiatori disabili, a fine aprile ho presentato un interrogazione che richiede l’intervento della Commissione europea, volto a far cessare gli atti discriminatori e a rendere più facile la vita dei disabili che devono prendere l’aereo.
Il Commissario Siim Kallas mi ha risposto dicendo che la Commissione non era a conoscenza dei fatti che gli ho riferito e che accoglierebbe favorevolmente l’invio di ulteriori informazioni sulle circostanze esatte in cui si sono svolti i fatti citati.
Kallas ha anche ribadito l’importanza di rispettare il regolamento 1107 del 2006 che si occupa di questa materia. Nel merito, la Commissione ha ricordato che spetta agli Stati membri vegliare sull’applicazione di questo regolamento tramite le preposte autorità, che possono imporre sanzioni nei confronti dei trasportatori inadempienti. L’attività di queste autorità nazionali è monitorata regolarmente dalla Commissione, grazie ad uno scambio continuo di dati e l’organizzazione di riunioni periodiche di informazione dove gli addetti possono discutere e confrontarsi per interpretare in modo omogeneo le disposizioni del regolamento citato.
Inoltre, la necessità di rispettare pienamente gli obblighi imposti in particolare da questo regolamento è stata ribadita in occasione degli incontri che la Commissione ha avuto con i rappresentanti di alcune compagnie aeree.
In questo contesto, la Commissione ha ribadito che è lecito richiedere ad un passeggero un certificato medico solamente qualora risulti evidente che il volo potrebbe avere conseguenze negative per la sua salute o per quella di altri passeggeri e dell’equipaggio. Pertanto, le compagnie aeree non possono richiedere certificati medici in modo sistematico.
Infine la Commissione ha avviato un’analisi del regolamento n. 1107/2006 e preparerà una relazione di informazione entro la fine del 2010.
Posso quindi esprimere soddisfazione per il positivo riscontro ad un problema che continua ad essere molto attuale negli aeroporti europei e che coinvolge, in particolare persone che già vivono in una situazione di difficoltà. Chi avesse notizie o informazioni di rilievo pertinenti a questo tema può dunque trasmettermele e sarà mia cura farle avere alla Commissione.

Segnala questo post anche su:

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo