abbonati: Post | Commenti | Email

Qui Nordest/2

0 comments

Mentre altri, come i governatori del Friuli Venezia Giulia e del Veneto, si incontrano in trattoria per discutere di affari regionali, il Partito Democratico del Friuli Venezia Giulia ha organizzato nella sede della Regione un incontro istituzionale con i colleghi del PD Veneto.
E invece di trovarci sui giornali del giorno dopo a smentirci l’un l’altro o a sminuire l’importanza di questi incontri, noi abbiamo dato in pubblico il via ad una collaborazione con il Pd del Veneto, che intendiamo rendere sempre più sistematica.
In questo primo appuntamento ci siamo confrontati essenzialmente sulla fondamentale questione delle infrastrutture. Nelle settimane scorse, in extremis, la Regione Veneto ha annunciato per bocca del suo governatore Zaia l’intenzione di modificare il tracciato veneto della Tav, spostandolo a sud, lungo il litorale della provincia di Venezia.
Con i colleghi veneti capeggiati dalla segretaria regionale Filippin e dal capogruppo Puppato abbiamo concordato sul fatto che il tracciato dovrebbe restare quello a nord, che corre parallelo all’autostrada A4 Venezia-Trieste. Spostarlo a sud significa rendere molto più costosa e probabilmente irrealizzabile questa infrastruttura fondamentale per il Nordest e il resto d’Italia. Con il rischio concreto che l’opera, il cui progetto preliminare deve essere presentato entro il 31 dicembre, abbia ulteriori ritardi se non uno stop.
Chiederemo verifiche sull’impatto e sull’effettiva utilità di questo nuovo tracciato, anche perché le amministrazioni locali, neppure informate sulla variazione del progetto, sono completamente contrarie.
Si tratta di un’opera che ha l’obiettivo di togliere il Friuli Venezia Giulia dalla marginalità ed è infatti compresa nel progetto di direttrici trasportistiche 6 della Ue, Corridoio 5, che collegheranno Lisbona a Kiev, infrastruttura definita di carattere prioritario dall’Unione europea.
Anche per questo motivo nei giorni scorsi ho incontrato il comitato No Tav di Porpetto (Udine) , assieme all’assessore ai Lavori pubblici Riccardi che si è assunto l’impegno della Regione a rendere partecipi le comunità locali rispetto al percorso e alla realizzazione della Tav.

Segnala questo post anche su:

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo