abbonati: Post | Commenti | Email

Ferrovia europea

0 comments

Nei giorni scorsi l’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha avviato un’istruttoria nei confronti di Ferrovie dello Stato e Reti Ferroviarie italiane per abuso di posizione dominante nel mercato dell’accesso all’infrastruttura ferroviaria nazionale e la Commissione Europea ha inviato all’Italia una lettera di “pre-infrazione” per la decisione delle autorità competenti italiane di impedire fermate intermedie sul territorio nazionale ai treni Db-Obb EuroCity, sulle tratte che collegano Monaco e Innsbrusck a Milano, Verona, Bologna e Venezia. Sarà, ancora una volta, l’Unione Europea a colmare le lacune e le oscurità normative e legislative che hanno portato a questi interventi. Recentemente sono stata nominata a Bruxelles relatrice del dossier che completerà la revisione del primo pacchetto del trasporto ferroviario e darà vita al “binario unico europeo”. In questa veste per raggiungere l’obiettivo dell’apertura del mercato stiamo lavorando su un’adeguata regolazione del settore del trasporto ferroviario, strumento indispensabile per raggiungere l’obiettivo dato, non solo formalmente ma anche sostanzialmente. Oggi in Italia ci sono troppe sovrapposizioni di competenze, mentre, in base al documento in discussione al Parlamento europeo, un organo come l’attuale Ufficio regolazione servizi ferroviari dovrà essere reso del tutto indipendente da altre autorità, e dovrà avere poteri di iniziativa propria, anche sanzionatori.
Il nostro lavoro prevede inoltre che situazioni di contrasto internazionale tra società saranno guidate a soluzione da un coordinamento dei regolatori nazionali, e aspira all’istituzione di un Regolatore europeo.

Segnala questo post anche su:

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo