abbonati: Post | Commenti | Email

Fioritura

0 comments

Si sa che il clima della campagna elettorale è propizio alla fioritura delle promesse, ma ugualmente gli esponenti nazionali del centrodestra che vengono in Friuli Venezia Giulia dovrebbero contenersi di più.
Il viceministro alle Infrastrutture e ai trasporti Roberto Castelli e il capogruppo Pdl in Senato sono sfilati a Trieste, dove si vota per il sindaco e il presidente della Provincia, e hanno detto che troveranno le risorse per la piattaforma logistica, che i collegamenti ferroviari ci saranno, che il progetto Unicredit è “bellissimo”…
Ormai sulla piattaforma logistica del porto di Trieste abbiamo fatto l’abitudine alle promesse e dall’ultima volta che un membro del Governo ha assicurato che sarebbero arrivati i fondi è passato troppo poco tempo, perciò se ora siamo scettici ci sono buoni motivi.
Quanto ai corridoi europei Castelli, invece di spargere ottimismo a buon mercato, farebbe bene a convincere il suo compagno di partito Zaia a cambiare idea sul tracciato “balneare” del Corridoio 5 e a spingere il ministro Matteoli a fare in Europa una lobby più incisiva per salvare il corridoio Adriatico-Baltico.

Segnala questo post anche su:

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo