abbonati: Post | Commenti | Email

Il topolino

0 comments

Bossi a Pontida ha partorito un piccolo topolino padano. Di fronte ad una platea irrequieta per le tante promesse mancate di questi lunghi anni di governo e vogliosa di tornare alle origini solitarie e secessionistiche, il leader lumbard ha lanciato rivendicazioni ridicole che presto saranno smontate dal voto dei suoi alleati in Parlamento.
Bossi ha ragione quando dice che oggi vincerebbe il centrosinistra, ma sbaglia di grosso se pensa che in futuro le cose possano andare meglio per lui e Berlusconi, perché ciò che è sempre più insopportabile ai cittadini elettori è la natura stessa dell’accordo di potere che sta alla base del Governo e della sua politica.
Le condizioni di Bossi a Berlusconi e Tremonti per tirare avanti non sono in nulla diverse dalla bassa cucina della prima Repubblica. La sostanza è che il patto con Berlusconi per ora non si discute, che il Governo va avanti e che il popolo della Lega deve continuare a ingoiare tutto quanto, dal bunga bunga alla balla dei ministeri al nord alla crescita zero.
Se queste sono le prospettive con cui i dirigenti della Lega pensano di rassicurare il nord alle prossime elezioni continueranno ad avere brutte sorprese.

Segnala questo post anche su:

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo