abbonati: Post | Commenti | Email

Il piagnisteo

0 comments

Oggi su Canale 5 nel corso di un’intervista a Maurizio Belpietro il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha ribadito che le riforme istituzionali servono “per dare al presidente del Consiglio gli stessi poteri dei suoi colleghi europei”. Un’affermazione ormai trita che il premier usa per nascondere i fallimenti del suo governo.
Berlusconi è ormai completamente scollato dalla realtà e, per uno che occupa la sua carica, ciò comporta gravi rischi per il Paese.
Il personalismo estremo della premiership, la situazione di tensione cui sono sottoposte da anni le istituzioni, la compressione della dialettica democratica tra maggioranza e opposizione, sono gli ostacoli veri all’azione del Governo nel varo delle riforme e nel contrasto della crisi. Le contraddizioni dell’esecutivo sono tutte interne e scaturiscono soprattutto da Berlusconi, che dovrebbe trarne le conclusioni.
Ogni giorno i mercati e gli organismi internazionali ci descrivono una situazione del Paese ad altissimo rischio e già sappiamo che bisognerà presto rimettere mano ai conti pubblici. Per questo c’è da rimanere sconvolti a sentire quali sono le priorità per il nostro presidente del consiglio: è padrone di tutto, dall’informazione alla sua maggioranza parlamentare, e si lamenta di essere perseguitato e di avere troppo poco potere.

Segnala questo post anche su:

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo