abbonati: Post | Commenti | Email

Un governo politico

0 comments

Il dibattito sottilissimo sviluppatosi intorno al quoziente di tecnici e politici che devono contrassegnare il governo prossimo venturo ha assunto delle tinte vagamente surreali, per non dire ipocrite.
E’ infatti evidente che il governo Monti sarà un esecutivo pienamente politico, che dovrà fare scelte politiche con l’accordo e il sostegno delle forze politiche rappresentate in Parlamento, tenendo conto di quelle che oggi non ci sono e delle parti sociali. Senza l’anomalia Berlusconi, in un Paese a democrazia avanzata, nessuno avrebbe considerato ignobile una simile larga alleanza per far fronte all’emergenza nazionale: oggi occorre fare uno sforzo per tornare a quel livello di civiltà.
Non è perciò necessario che la politica si nasconda dietro lo schermo dei tecnici, né che sia timida all’appello quando Monti chiede ai partiti di partecipare con propri rappresentati nel Governo. Anzi, se è vero che sta finendo un’epoca, questa può essere l’occasione buona per dimostrare che la politica non si risolve nella spartizione dei posti ma che sa essere la più alta forma di servizio alla comunità. Dove tutti si prendono la loro responsabilità a viso aperto.

Segnala questo post anche su:

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo