abbonati: Post | Commenti | Email

Buon 2012 al Friuli Venezia Giulia!

0 comments

Il Friuli Venezia Giulia ha bisogno di integrare le sue grandi potenzialità territoriali, non di chi ridisegna i suoi confini interni con i gessetti colorati. E’ l’insieme dell’ordinamento regionale che va ripensato, razionalizzato e aggiornato, avendo molto chiari al tempo stesso l’ordine di grandezza della nostra popolazione, la varietà e l’identità dei territori.

Semplificazioni grossolane come quelle lanciate dalla Lega nord non sono accettabili. Trieste non va staccata dal resto del territorio regionale ma va integrata di più, valorizzandone sia il ruolo di capitale politica e amministrativa della Regione autonoma, sia il porto. In particolare lo scalo è uno straordinario esempio di come i destini e le fortune di Trieste e del Friuli siano strettamente legati, dal momento che il porto di Trieste ha bisogno di avere alle spalle le dimensioni di un sistema regionale che crede e investe in lui, e che i grandi corridoi di trasporto europei essenziali al Friuli vanno dove ci sono porti che funzionano.

Mentre gli antichi luoghi comuni e le contrapposizioni tra Friuli e Trieste trovano sempre meno cittadinanza, quello che occorre davvero è permettere che tutte le identità si riconoscano nell’orgoglio di una comune appartenenza a una Regione speciale, che funziona e guarda avanti.

Segnala questo post anche su:

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo