abbonati: Post | Commenti | Email

Tir

0 comments

In questi giorni i collegamenti autostradali italiani sono resi quasi impossibili dalla protesta ad oltranza degli autotrasportatori che in alcuni casi è degenerata anche in vere e proprie minacce a chi non intendeva aderirvi. Bisogna chiarire con fermezza che i diritti si esercitano nell’ambito della legalità.
Il malcontento si può capire ma per risolvere queste vertenze non è ammissibile che pezzi della categoria dell’autotrasporto o singoli attuino proteste che rischiano di provocare all’economia dell’intero Paese danni gravissimi, i cui costi non mancheranno di ritorcersi contro la stessa categoria.
Non c’è dubbio che in Italia quella degli autotrasportatori è una categoria che fa andare avanti molta della nostra economia, e che gli aumenti del gasolio e dei pedaggi autostradali hanno generato gravissime difficoltà cui si deve dare una risposta convincente. Ma è proprio in virtù di questa posizione strategica che tutti gli autotrasportatori dovrebbero esercitare con grande responsabilità qualsiasi forma di protesta, evitando comportamenti che sembrano spingersi al limite del ricatto se non della violenza. C’è il rischio che un’ala di intransigenti metta in cattiva luce l’intera categoria degli autotrasportatori.

Segnala questo post anche su:

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo