abbonati: Post | Commenti | Email

Senza guida

0 comments

La sanità del Friuli Venezia Giulia ha bisogno di qualcun’altro in plancia di comando. La decisione del presidente Tondo di continuare a mantenere a sé la delega alla sanità dopo le dimissioni di Kosic va valutata con la necessaria oggettività: è un danno secco per i cittadini che hanno bisogno di cure e assistenza. Ma il fatto grave è che per Tondo si tratta di una scelta senza alternative, perché qualunque altra mossa avrebbe sconquassato il fragile equilibrio politico dell’impalcatura che regge la sua giunta, e sulla quale non ha potere di guida. Ma questa è una situazione inaccettabile per l’assessorato che assorbe più della metà del bilancio regionale.
La realtà è che il sistema sanitario regionale è senza governo, affidato a una specie di autogestione degli affari correnti che non può protrarsi troppo a lungo, pena il suo deterioramento. La giunta Illy ha lasciato un sistema efficiente, con un provvidenziale avanzo di cassa e buone pratiche come quella del pagamento delle fatture entro novanta giorni, ben prima che il tema divenisse di moda.
Ma alla politica spetta guardare al futuro, e deve farlo con analisi serie, con simulazioni, monitoraggi, pensando a fare più alleanze possibili, prendendo tempestivamente le decisioni che servono. Invece, sono tre anni e mezzo senza che la giunta non prende provvedimenti capaci di incidere, se escludiamo blitz notturni come la cancellazione dell’Agenzia Regionale della Sanità, o il taglio della partecipazione degli enti locali dai processi decisionali in politica sociosanitaria. Per tacere dell’astratta sparata sull’azienda unica.
Al contrario, latitano decisioni e atti importanti che dovevano essere già compiuti, come testimonia lo stallo del nuovo ospedale di Pordenone, del quale non abbiamo ancora il progetto esecutivo, o la mancata individuazione del responsabile dei trapianti all’interno del Centro Regionale Trapianti, o del primario di chirurgia a Gorizia. Sono esempi fatti a caso tra molti possibili.
Da quando ha la delega alla sanità, il provvedimento più importante che Tondo ha portato in giunta è stato un modesto accordo con i medici di medicina generale, raggiunto dopo due anni di trattative. Poco, troppo poco, per chi aveva esordito lanciando la sfida della grande riforma della sanità regionale.

Segnala questo post anche su:

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo