abbonati: Post | Commenti | Email

PD 2011: il mio “bilancio sociale”

0 comments

Care democratiche, cari democratici,
quando ho assunto la carica di segretaria regionale del Partito democratico in Friuli Venezia Giulia mi sono impegnata a rendere conto pubblicamente della mia attività. Anche per il 2011, come già avvenuto per il 2010, sono quindi ad assolvere a quell’impegno di trasparenza che viene, giustamente, chiesto sempre più spesso a chi occupi cariche pubbliche o che comunque implichino una ampia responsabilità. Presento dunque qui la sintesi della mia attività chiedendo in anticipo venia se sarà rilevata qualche lacuna o imprecisione.
Nel corso del 2011 si sono svolte sei assemblee regionali, sei direzioni regionali e un’assemblea regionale dei segretari di circolo. All’esito di queste attività, desidero ricordare due atti importanti: l’elezione della Direzione regionale che ha completato gli organi del partito e l’approvazione degli ordini del giorno con cui l’Assemblea Regionale ha impegnato il partito nella vittoriosa battaglia referendaria sui temi dell’acqua pubblica e del no al nucleare. Nel corso dell’anno sono anche stati approvati in assemblea i primi documenti della conferenza programmatica avviata nel 2010, come quello sulle infrastrutture.
In qualità di segretario regionale ho partecipato a sei direzioni nazionali, a un’assemblea nazionale e a cinque riunioni della conferenza dei segretari regionali.
Molti gli appuntamenti con i circoli della nostra regione, che sono stati 76: spesso sono il risultato dell’intensa attività del nostro partito sul territorio. Ricordo, fra le tante iniziative, gli incontri della conferenza regionale delle donne, la presentazione del libro su Nilde Iotti a Palazzolo dello Stella, e gli incontri pubblici sui temi dell’immigrazione a Chions, sui 150 anni dell’Unità d’Italia a Fiume Veneto, Palmanova e Udine, sul lavoro a Tricesimo e a Pozzuolo, sulla crisi della zona del mobile a Prata di Pordenone, sul progetto Pramollo a Venzone, sui porti a Trieste con i nostri amministratori. Oltre alle iniziative territoriali molte le iniziative elettorali in un anno che ha visto andare al voto un terzo dell’elettorato regionale e che ci ha visto vincere nei capoluoghi Pordenone e Trieste oltre che nelle province di Gorizia e Trieste.
Numerose sono state le visite a luoghi simbolici della nostra regione dal punto di vista storico, sociale ed economico, svolte anche in qualità di europarlamentare. Tra di esse: l’inaugurazione dell’anno giudiziario a Udine, le cerimonie per il 25 aprile (Udine) e del 1 maggio (Gradisca d’Isonzo, Villesse, Dobbia) e per la giornata della Memoria alla Risiera di San Sabba. Numerose infine le visite a fabbriche in crisi e gli incontri con i lavoratori (Videe, Città fiera, Idealservice, Idealstandard).
Il confronto con sindacati, categorie ed associazioni è stato continuo: dal convegno “Servizi, lavoro, diritti: il futuro nell’era Bolkestein” organizzato dalla Cgil al congresso della Legacoop Fvg, dal convegno della Filcal Cisl di Trieste al seminario di “Agire politicamente”, dalla conferenza dell’Università di Udine su “La sfida del nuovo corridoio adriatico-baltico: il ruolo delle istituzioni europee e nazionali e della Regione Fvg” a quello con l’Unione degli Istriani, dalla presentazione del libro “il lavoro femminile tra vecchie e nuove migrazioni: il caso del Fvg” alla partecipazione alla manifestazione nazionale di “Se non ora, quando?”.
Sono state organizzate, inoltre, iniziative di carattere programmatico regionale e sovra regionale come l’incontro pubblico sulla scuola a Trieste, la conferenza stampa a difesa delle lingue minoritarie, l’incontro pubblico con l’on. De Castro sulla “politica agricola comune alla portata di tutti”, la presentazione del piano regionale di formazione “Forma mentis” realizzato dal Partito regionale per i suoi iscritti. A questi incontri specifici si sono affiancate le numerose tappe della conferenza programmatica regionale iniziate con quella su infrastrutture e trasporti di Udine e poi continuata a Codroipo (sulla sanità con l’on. Rosy Bindi), a Trieste (sulla cultura con Fabrizio Gifuni), a Palmanova (con il seminario sulla specialità regionale e il sistema di governo locale) e di nuovo a Udine per l’incontro “Verso un nuovo modello di sviluppo” con le piccole e medie imprese della nostra regione.
Il confronto politico ha coinvolto alcuni partiti del centrosinistra regionale come Sinistra ecologia e libertà inaugurando una serie di incontri bilaterali in vista delle elezioni regionali del 2013.
Significativa anche la collaborazione con gli organizzatori delle feste democratiche della nostra regione alla maggior parte delle quali ho presto parte.
Su richiesta del Partito nazionale e dei coordinamenti territoriali ho partecipato a numerose iniziative nelle altre regioni italiane come riportato nella sintesi dell’attività svolta come europarlamentare.

Segnala questo post anche su:

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo