abbonati: Post | Commenti | Email

Sempre lui

13 comments

Il Pdl ha annunciato nei giorni scorsi la “grande novità politica” del dopo-amministrative: una riforma costituzionale per trasformare la nostra Repubblica in senso semi-presidenziale. Una riforma che richiede tempi lunghi e che sembra l’ennesimo bluff per cercare di non cambiare nulla proponendo di cambiare tutto. La storia purtroppo si ripete e il nemico delle riforme è sempre quello: Berlusconi.
Dopo aver fatto saltare il tavolo nelle riforme nel ’97, Berlusconi si prepara al bis quindici anni dopo, assestando così il colpo finale alla credibilità della politica secondo il principio del tanto peggio tanto meglio. Infatti solo un calcolo cinico e sciagurato può far mettere ostacoli sulla strada della riforma elettorale, cioè il primo e più importante segno di discontinuità che i cittadini chiedono ai partiti.
Sull’abolizione del porcellum il Pd non deve mollare fino all’ultimo momento utile, evitando di infilarsi nel noto tunnel delle ipotesi astratte e delle trattative nebulose al cui termine c’è solo il buio.

Segnala questo post anche su:

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

incontro lavoratori Electrolux

gio. 24 aprile, dalle 11:00 alle 12:00

GIUNTA

gio. 24 aprile, dalle 14:00 alle 17:00

UDINE: cerimonia 25 aprile

ven. 25 aprile, dalle 08:00 alle 10:30

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo