abbonati: Post | Commenti | Email

Economia Fvg

0 comments

I dati dell’Istat fotografano una situazione di frenata delle esportazioni: nel primo trimestre del 2011 l’export ammontava a 2,790 miliardi di euro, mentre nel periodo gennaio-marzo di quest’anno l’export si è fermato a quota 2,621 miliardi, con un calo percentuale del 6,1%. Di fronte ai dati dell’Istat che testimoniano il crollo dell’export e l’aumento dei prezzi dei prodotti finiti in Friuli Venezia Giulia, la Giunta Tondo continua a essere assente e priva di una politica industriale.
A meno di non volerci consolare con i dati del Molise stiamo purtroppo diventando fanalino di coda d’Italia proprio in quei settori che tengono ancora in piedi l’economia nazionale e ci permettono di competere. E se questi sono i risultati, c’è da recriminare anche sull’uso fatto della nostra autonomia. Dal momento che la situazione per molte altre Regioni è ben diversa, e vede indici di crescita a volte anche notevoli nell’export, vuol dire che qui non è stata fatta una programmazione né investimenti sulla crescita e competitività. Si sta consolidando l’arretramento delle capacità di sviluppo territoriali dal quale, se dovesse proseguire, sarà assai difficile riemergere, a meno che non siano presi provvedimenti urgenti e terapie d’urto.
Il Pd propone in primo luogo una politica industriale per il Friuli Venezia Giulia sostenuta da due strumenti: il bilancio regionale e i fondi europei, da una attivazione degli strumenti finanziari regionali, da un accordo con il sistema bancario al fine di erogare credito a costi accessibili, e da un sistema logistico che permetta di incidere sui costi di produzione dei beni. Gli interventi spot e le dichiarazioni rassicuranti non servono quando le imprese avrebbero invece bisogno di una interlocuzione costante e concreta in modo da andare incontro alle loro necessità.
Per rispondere alle esigenze di imprese e imprenditori il Partito democratico, con il suo Forum economia, ha predisposto un piano di interventi di breve e medio termine che verrà discusso nella Direzione di venerdì prossimo.

Segnala questo post anche su:

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo