abbonati: Post | Commenti | Email

Tachigrafo

0 comments

Questa settimana all’Europarlamento abbiamo votato la risoluzione presentata da Silvia-Adriana Ticau (S&D, RO), con cui si propone di estendere la funzionalità dei tachigrafi, collegandoli a un sistema globale di navigazione satellitare (GNSS) per registrare l’inizio e la fine di un percorso.
Prima della votazione in Aula, la relatrice ha dichiarato che “la commissione per i trasporti propone che tutti i camion, nuovi oppure usati, siano equipaggiati con tachigrafi intelligenti entro il 2020”. Le autorità pubbliche dovranno inoltre formare e attrezzare gli agenti di controlli perché possano analizzare rapidamente i dati del tachigrafo utilizzando un metodo comune, “poiché è essenziale che le regole siano, finalmente, applicate ovunque nell’UE in modo paritario”.
Nella mia dichiarazione mi sono compiaciuta con la relatrice Ticau per il lavoro svolto. Sicuramente l’installazione e l’impiego del tachigrafo, se usato correttamente, può risultare un ottimo strumento per migliorare la sicurezza stradale e le condizioni di lavoro degli autotrasportatori, andando al contempo incontro alle loro legittime esigenze di privacy.
Per proteggere i conducenti, sono necessarie regole più stringenti relativamente al tempo di guida e di riposo: ho apprezzato perciò le nuove regole finalizzate a migliorare le funzioni del tachigrafo, come l’uso di comunicazioni wireless per i controlli su strada al fine di ridurre il numero di veicoli fermati nonché le disposizioni in materia di formazione degli ufficiali di controllo. Nell’ottica di garantire la sicurezza stradale nell’Unione Europea a tutti i livelli possibili, riveste un’importanza capitale l’affermazione di un principio di corresponsabilità chiaro e completo, e per questo giudico positivo il compromesso trovato dalla relatrice in materia di corresponsabilità, che include anche altri operatori che fanno parte della catena di trasporto e che sono corresponsabili nel caso in cui l’impresa sia incapace di agire conformemente alle norme sociali.
Per quanto riguarda l’installazione del tachigrafo da parte di tutti i veicoli non esentati, ho chiesto si tenga conto della necessità che gli adempimenti connessi al rispetto della procedura non comportino un sovraccarico di oneri in termini economici e burocratici per le piccole e medie aziende.

Segnala questo post anche su:

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo