abbonati: Post | Commenti | Email

Risparmio energetico

0 comments

Da domani prende il via una piccola rivoluzione domestica che rappresenta un importante tassello nelle politiche di risparmio energetico. Con l’entrata in vigore della normativa europea vanno in pensione le “vecchie” lampadine ad incandescenza. In questo articolo dell’Adnkronos i numeri sui risparmi che ne conseguono e alcuni utili consigli.

Dal 1° settembre in Europa addio alle vecchie lampadine a incandescenza

Roma, 30 ago. – (Adnkronos) – Dal primo settembre in Europa vanno in pensione tutte le vecchie lampadine a incandescenza per far posto alle più efficienti compatte e ai led. Per aiutare i consumatori a scegliere il modello di lampadina più adatto e efficiente e orientarsi tra vecchie e nuove etichette energetiche il Wwf dà le ‘istruzioni per l’uso’ sul sito Topten (www.eurotopten.it), la guida online all’acquisto di elettrodomestici efficienti.
Sostituendo una lampadina a incandescenza da 75w con una equivalente a risparmio energetico di soli 15 w (920-970 lumen) si risparmia il 70% dei costi, ovvero calcolando il costo medio annuo di elettricità oltre al prezzo della lampadina stessa e la sua durata si passa da 42 euro a 12 (considerandola accesa per 7 ore al giorno).
Non è tutto, le lampadine ad alta efficienza determinano l’emissione di molta meno Co2. Nella sostituzione descritta, la lampadina a incandescenza avrebbe emesso 76 kg di Co2, l’equivalente lampadina ad alta efficienza ne emette solo 15 kg, con un risparmio in emissioni di Co2 di circa l’80% rispetto al passato.
Dai frigoriferi alle stampanti per ufficio, dalle lampadine alle lavastoviglie, il sito ‘Topten’ (www.eurotopten.it) è una guida aggiornata rispetto alle novità del mercato all’acquisto consapevole rivolta ai consumatori. Di ciascuno dei ‘migliori prodotti’ per categoria (frigoriferi, congelatori, lavatrici, lavastoviglie, televisori, lampadine, automobili e apparecchi per ufficio come monitor, stampanti e multifunzione, e anche automobili), vengono indicate le funzioni principali, il costo, la marca, ma anche la classe di efficienza energetica, i consumi di energia, quanto ci costeranno in bolletta nell’intero ciclo di vita del prodotto, e altri parametri ambientali come il consumo di acqua o la rumorosità.
Il progetto Topten è realizzato in 17 Paesi europei più Stati Uniti e Cina, da un team composto da oltre 20 partner e riunisce esperti in campo energetico, organizzazioni no profit tra cui il Wwf, e associazioni di consumatori. Ma l’introduzione delle nuove lampadine non è l’unica novità.
Da un anno sono state introdotte le nuove etichette energetiche, frutto di un miglioramento tecnologico e normativo, ma anche di una maggiore consapevolezza di consumatori e imprese. Il consumo elettrico medio dei televisori selezionati da Topten si è pressoché dimezzato (passando da 94.87 w a 45.91), quello dei monitor è diminuito di un quarto (da 20.75 w a 14.38). Da settembre 2009 all’estate 2012 la durata media delle lampadine a risparmio energetico è aumentata di 5.237 ore (da 11.274 a 16.511).

(articolo tratto da adnkronos.com)

Segnala questo post anche su:

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo