abbonati: Post | Commenti | Email

Check in Europe

0 comments

Oggi a Bruxelles, assieme ad altri colleghi europarlamentari, ho ricevuto al Parlamento europeo un gruppo di ex studenti Erasmus. Nel corso dell’incontro è stata presentata “check-in-Europe”, la prima applicazione on line con la quale tutti gli ex alunni del progetto Erasmus potranno contarsi e rintracciarsi. Gli studenti Erasmus sono una rete al servizio dell’Europa più viva e più proiettata nel futuro: mantenerla attiva è un investimento che renderà molto.
Ideata dalla Fondazione GaragErasmus e sostenuta dalla Regione Toscana, “check-in-Europe” è stata lanciata in rete quest’oggi. Un’iniziativa che ha un particolare significato, anche perché coincide con il dibattito del Parlamento europeo sulla possibilità di continuare a finanziare il progetto Erasmus. Se oggi ci sono circa 3 milioni di ex studenti Erasmus tra i 24 e i 45 anni che potranno mettersi in rete, lo si deve a un progetto di formazione illuminato a lungo termine: alla visione di un’Europa che si costruisce sui giovani.
Qui il link con l’articolo de La Stampa che dà conto della tappa torinese della carovana in viaggio verso Bruxelles.

Segnala questo post anche su:

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo