abbonati: Post | Commenti | Email

Web libero/2

0 comments

Il prossimo Dicembre l’ITU, l’agenzia delle Nazioni Unite dedicata alle tecnologie della comunicazione e dell’informazione, si riunirà a Dubai per la Conferenza Mondiale delle Comunicazioni Internazionali (WCIT) per rinegoziare i Regolamenti Internazionali sulle Telecomunicazioni (ITRs). Il lavoro fatto fino ad oggi non può certamente essere messo in discussione né l’autorità dell’Unione europea bypassata da una struttura sovrannazionale quale l’ITU, della quale fanno parte centinaia di Stati di tutto il mondo, e di molti di essi sono noti i limiti in fatto di democraticità, trasparenza e libertà di espressione. Non è quindi errato sostenere che i pilastri di Internet, cioè libertà, partecipazione, apertura e innovazione, sono in pericolo. Ritengo necessario tutelare il ruolo che Internet può e deve avere nel rilanciare la crescita economica e nel garantire opportunità per tutti. Affinché ciò si realizzi occorre assicurarsi che la rete resti libera e aperta, come lo è stata fino ad oggi. Per questo mi auguro che la Commissione lavori con l’obiettivo che l’Europa, a Dubai, sia unita e parli con una sola voce.
Sono molte le proposte controverse presentate al tavolo negoziale del World conference on international telecommunications. In particolare quelle che prospettano modifiche alla governance di internet mettono in discussione la neutralità della rete con ricadute negative sui consumatori. In pericolo è la libertà di internet, o più precisamente la libertà di espressione e la protezione dei dati. Quanto alcuni Stati hanno proposto consentirebbe ad un Governo di intromettersi non solo nelle comunicazioni dei propri cittadini, ma nei dati che transitano sulle proprie reti. Il passo da qui alla limitazione della libertà di espressione e alla censura è breve, è in contraddizione con i principi fondamentali di Internet e e soprattutto con quelli che ispirano le nostre carte europee dei diritti.

Segnala questo post anche su:

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo