abbonati: Post | Commenti | Email

Chi copia chi

0 comments

debora5Leggo sempre con attenzione i vostri commenti ai post che faccio su questo blog, su Facebook e su Twitter. Da lì imparo tante cose e cerco di cogliere stati d’animo e necessità, anche dalle note più critiche e crude.

Proprio per questo, tengo a dire che una critica che sta girando in questi giorni non è giustificata: quella di “essere arrivata tardi”, di aver copiato il mio programma di governatore del Friuli Venezia Giulia da Grillo. Il mondo non l’ha inventato Beppe Grillo.

Abolizione delle province: mi si accusa di copiare il “modello Sicilia”, quello che vede la collaborazione del Movimento 5 Stelle all’operazione di riforma istituzionale del governatore Crocetta . Non è così: sostengo da molto tempo un disegno di abolizione delle province e di accorpamento di comuni del Friuli Venezia Giulia. Un accorpamento fatto in modo intelligente e non con l’accetta, in modo da integrare in maniera armoniosa servizi, storie ed esperienze territoriali omogenee. Ho presentato pubblicamente questo disegno di riforma l’8 settembre del 2012. “In tempi non sospetti” come si usa dire, e lo vedete qui.

Reddito di cittadinanza: è un tema su cui ho spinto molte volte nella mia campagna elettorale, e anche in questo caso voglio rassicurare tutti che non sto “rubando” un’ideona di Grillo. Il reddito di cittadinanza è stato introdotto in Friuli Venezia Giulia (col nome di “Reddito di sostegno”) dalla Legge Regionale n.6 del 2006 promossa allora da Riccardo Illy. Il reddito di cittadinanza è stato poi soppresso da Renzo Tondo nel 2008, subito dopo l’insediamento della sua giunta di centro-destra. È mia intenzione recuperare e attualizzare quella visione sociale di Illy, e di riparare a uno dei tanti tagli disastrosi di Tondo. Grillo non c’entra nulla.

Infine, taglio dei costi della politica: ne ho parlato su questo blog già nel giugno 2011 evidenziando la necessità di ridurre il numero dei parlamentari nazionali, di abolire i vitalizi, di togliere i rimborsi forfettari e pagare solo le spese per servizio regolarmente documentate. Sul fronte del Friuli Venezia Giulia, già nel settembre 2012 ho proposto qui un importante pacchetto di tagli ai privilegi di Consiglio e Giunta Regionale. Questo pacchetto che oggi è entrato integralmente nel mio programma prevede, tra le varie misure, l’eliminazione dei rimborsi automobilistici forfettari per i consiglieri regionali, il dimezzamento del rimborso pasto (da 35 Euro a 17,50), l’eliminazione della quota con cui il consiglio regionale integra l’indennità di fine mandato dei consiglieri regionali, la riduzione dell’indennità di funzione (ufficio di presidenza del Consiglio, presidenti di commissione, capigruppo, assessori e presidente di Giunta) e l’eliminazione dei fondi riservati del presidente della Giunta e del Consiglio (risparmio di 2 x 25.000 Euro all’anno). Ma soprattutto, nel mio programma si prevede testualmente il “taglio dell’indennità dei consiglieri regionali per portarla a livello dell’indennità dei sindaci di Comuni capoluogo”. Significa abbassare quell’indennità dagli attuali 10.291 Euro mensili lordi ai 5.052 lordi dello stipendio di un sindaco di comune capoluogo. Si tratta di un taglio del 50% circa. “Qualcosina” di più di quel 20% proposto da Tondo, che a me pare averlo inserito frettolosamente in programma solo per cogliere la moda del momento, visto che in cinque anni di governo regionale non l’ha fatto.

Allora: chi ha copiato chi?

Segnala questo post anche su:

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo