abbonati: Post | Commenti | Email

2 giugno

0 comments

Oggi ho partecipato a Redipuglia alle celebrazioni della Festa della Repubblica, la giornata che celebra i valori su cui si fonda la nostra comunità sanciti 67 anni fa da un referendum popolare.
La crisi attuale presenta aspetti di rischio per il mantenimento dei livelli di vita e della protezione sociale, e un loro degrado potrebbe avere ripercussioni sulla saldezza del nostro sistema rappresentativo democratico. La distanza tra i cittadini e la politica, tra i territori e le istituzioni centrali dello Stato, rappresentano altrettante lacerazioni inferte al tessuto vivo della Nazione. I valori repubblicani che oggi celebriamo sono un punto di riferimento prezioso per orientare l’impegno che dobbiamo mettere nel ristabilire il rapporto di fiducia tra la società e chi la rappresenta.
E’ fondamentale che la politica ritrovi il filo guida dell’etica civile e l’alta virtù del servizio esclusivo alla Repubblica.
Una Repubblica giusta, che funziona e che offre ai suoi cittadini eque opportunità di realizzarsi non è un sogno: è il progetto dei nostri Padri costituenti, che l’hanno affidato a noi. E noi non possiamo tradire un’eredità la cui conquista è costata così cara, in termini di vite e sacrifici, a cominciare dalle Forze Armate, cui affidiamo con fiducia la tutela della nostra sicurezza, anche nei più lontani Paesi.
Il nuovo Governo della Regione Friuli Venezia Giulia vuole andare in questa direzione, aiutando chi ha più bisogno, incoraggiando chi ha iniziativa, sostenendo chi sa eccellere. E spogliando la politica di privilegi che non ne onorano il rango e ne abbattono la credibilità.

Segnala questo post anche su:

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo