abbonati: Post | Commenti | Email

Votare per cambiare

0 comments

untitledCari amici e care amiche,

domenica 8 dicembre, andando a scegliere il prossimo segretario del PD, avremo finalmente la possibilità di dare un segnale netto di cambiamento rispetto al passato.

Un segnale di discontinuità forte, un vero e proprio scossone, che investirà il Partito Democratico ma il cui effetto dirompente si rifletterà sull’intera politica italiana. Dopo tanti anni, infatti, abbiamo la concreta possibilità di incidere nel tessuto connettivo di una politica ritenuta, da tanti, troppo distante dalle richieste e dai bisogni della comunità.

Vorrei ricordare che questa volta il voto è aperto a tutti. Si tratta, quindi, di un’occasione unica con la quale si potrà, non solo dare corpo e voce all’insoddisfazione dei tanti militanti che hanno visto e subito un partito distante e di cui hanno dovuto patire le decisioni, ma anche attrarre persone che in questi anni abbiamo perso per strada, individui sempre più delusi e amareggiati perché la politica non ha saputo dare loro risposte.

E’ questo il compito della politica, in generale, e della sinistra, in particolare: indicare, cioè, un cammino, prospettare soluzioni e accompagnare il cittadino nei momenti di crisi. Crisi, non solo economica, ma crisi di sistema, di valori, di progettualità, in poche parole, mancanza di speranza per il futuro.

Per questo vi invito a mettere da parte l’indifferenza e lo scetticismo, il qualunquismo individualista, il: “Ma tanto sono tutti uguali” e vi sprono a scegliere. Domenica abbiamo la possibilità di farlo: l’otto dicembre, l’Italia con Matteo Renzi può cambiare davvero “verso” e questo dipende da noi, solamente da noi.

Debora Serracchiani

Segnala questo post anche su:

Technorati Tags: , , , , ,

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo