abbonati: Post | Commenti | Email

Sulla procreazione medicalmente assistita ci sia ragionevolezza e rapidità

0 comments

FECONDAZIONE: GIUDICI, DIVIETO ETEROLOGA MINA VITA FAMSiamo consapevoli che migliaia di famiglie attendono la piena applicazione della procreazione medicalmente assistita ed è quindi necessario che i tempi per la definizione di un quadro nazionale chiaro e univoco siano molto brevi.

Dopo il chiarimento della Consulta che ha evidenziato come, dopo la propria sentenza, non ci sia nessun vuoto normativo, il presidente Chiamparino ha individuato bene il nodo rappresentato dalla necessità di un dialogo ravvicinato tra le Regioni e il Governo. Infatti, di fronte alla possibilità che le singole Regioni facciano partire il servizio pubblico autonomamente, credo opportuno considerare la possibilità di uniformare a livello nazionale la normativa.

Sperando che sia definitivamente tramontata l’era delle contrapposizioni ideologiche, sono convinta che sia possibile aprire, in Parlamento, un confronto sereno e molto rapido, anche per aggiornare le linee guida, ormai, ferme dal 2008.

A mio avviso negli ultimi dieci anni, nel 2004 entrò in vigore la Legge 40 che impediva la fecondazione eterologa, sono stati fatti molti passi in avanti e non mi sembra che oggi dal centrodestra giungano fuochi di sbarramento sulla questione. Mi auguro, pertanto, che la linea della ragionevolezza sarà prevalente.

Foto da www.giornalettismo.com

Segnala questo post anche su:

Technorati Tags: , ,

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo