abbonati: Post | Commenti | Email

Ripugnante

0 comments

Ho ancora una volta il discutibile privilegio di essere sul blog di Beppe Grillo. Questa volta è per l’annuncio della mozione di sfiducia verso la Giunta regionale da parte del gruppo M5S in Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia.

Si tratta di un’azione ripugnante, che rivela ignoranza e malafede. I grillini sostengono una tesi consunta e infondata, secondo la quale la Regione non avrebbe esercitato vigilanza e controllo sulle cooperative, quelle che da qualche mese sono in crisi, e che stiamo cercando in tutti i modi di salvare.

Il fatto è che alla Regione non possono essere addebitate colpe che non ha per mancanza di competenze. Abbiamo detto e ripetuto più volte che l’attività di vigilanza, prevista dall’articolo 45 della nostra Costituzione, è un istituto tipico delle Cooperative che viene svolto avvalendosi delle centrali cooperative per tutte le aziende cooperative che vi aderiscono, come chiaramente indicato nelle leggi che ne dispongono la relativa attuazione. Lo hanno capito tutti meno, evidentemente, i consiglieri grillini che peraltro le norme sono pure tenuti a conoscerle e non certo ad interpretarle demagogicamente e opportunisticamente.

È noto ad esempio come tutti i controlli ordinari operati dai revisori delle Cooperative di Trieste dal 2007 al 2013 avevano definito regolare la situazione contabile e gestionale, mentre è stata la Procura della Repubblica a prendere in mano i documenti del 2014.

Inoltre sulla base dei documenti societari e dei riferimenti contenuti nell’ultimo bilancio d’esercizio, la vigilanza della Regione è esclusivamente finalizzata a verificare il rispetto dei requisiti mutualistici tipici delle Cooperative e a fornire agli amministratori consigli e suggerimenti utili per migliorare la gestione e il livello di democrazia interna (come indicato da una legge regionale, la numero 27, del 2007): è così in Friuli Venezia Giulia come in tutto il resto d’Italia. La revisione è, per legge, biennale e, per le Cooperative che superano certi parametri patrimoniali, come nel caso di COOPCA e Cooperative Operaie, diventa annuale.

Dunque attribuire alla Giunta regionale, in carica da metà dello scorso anno, un’omessa vigilanza è una consapevole distorsione dei fatti.

Allora, di fronte a questi fatti, invece di predicare il ‘tutti a casa’ i grillini dovrebbero seriamente pensare di andarsene loro a casa, per manifesta incapacità. Il Paese e la nostra Regione hanno bisogno di una classe dirigente che non solo occupi scranni e faccia chiasso, ma che sia anche in grado di governare, di indicare una strada e di dare risposte: tutte cose che loro dimostrano continuamente di non saper fare.

Che credibilità può avere un partito che non ha nulla da dire e che quando parla ispirato dal suo guru ondeggia tra la Lega e Le Pen, mentre quando è lasciato a se stesso si occupa di scie chimiche, di moneta parallela, di complotti o del Nuovo Ordine Mondiale? È così che si difende il bene dei cittadini?.

E’ stata lanciata anche un’altra accusa, più subdola. I grillini insinuano che la condotta della Giunta regionale nella gestione delle crisi delle Coop in Friuli Venezia Giulia sarebbe stata influenzata da un sostegno finanziario ricevuto durante la campagna elettorale. Bene, io ho fatto della trasparenza il segno distintivo di tutta l’attività politica, mia personale e della Giunta, e le logiche di scambio non ci appartengono. È evidente che quando non si sa fare nulla, resta solo la bassa denigrazione per guadagnarsi uno spazio sui giornali o in TV.

Queste sono vergognose insinuazioni senza nessun fondamento, che non devono essere spacciate per azione politica, e di fronte alle quali dovrò ricorrere alla legge, per difendere il mio buon nome e la dignità delle Istituzioni.

Dal momento che la loro mozione di sfiducia è completamente priva di senso e fondamento rimane solo la miseria di un atto di sciacallaggio che si disinteressa della sorte dei lavoratori e dei risparmiatori delle Coop, per la cui salvezza invece siamo impegnati senza tregua.

Segnala questo post anche su:

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo