abbonati: Post | Commenti | Email

Per il Quirinale consultazioni vere

0 comments

palazzo-del-quirinale-bandiereLa mia intervista rilasciata a Giovanna Casadio e pubblicata su La Repubblica di oggi.

Acqua, pasticcini e qualche trancio di pizza. Ma soprattutto «nessun caos organizzato, bensì una discussione consapevole». Debora Serracchiani, la vice segretaria dem, ha appena finito le consultazioni al Nazareno.

Scommette che entro domenica il nuovo presidente della Repubblica potrebbe essere già stato eletto: «Ci sono tutte le condizioni».

Serracchiani, qual è stato il clima delle consultazioni?

«Positivo e di collaborazione. A tutte le delegazioni dei partiti è piaciuto il metodo, la volontà cioè del Pd — che ha comunque il 46% dei Grandi Elettori — di avere avviato un percorso di partecipazione».

Qualcuno ha detto che è un caos organizzato?

«No,una discussione consapevole. Fatta per ascoltare tutti i partiti che hanno posizioni diverse, che d’altra parte fotografano il diverso atteggiamento rispetto al governo. Pero c’è una consapevolezza generale, ovvero che il presidente della Repubblica è una questione troppo alta per essere svilita inbeghe varie. Il capo dello Stato da nuova legittimazione al Parlamento, tutti intendono partecipare ad confronto».

Tutti tranne Grillo?

«Stona l’atteggiamento di chiusura e di rifiuto di ogni dialogo di Grillo e che è poi sfociato nella violenza contro gli ex 5Stelle. Il Pd chiede a Grillo di dissociarsi e condannare la violenza dei suoi seguaci».

Avete fatto dei nomi?

«Sui nomi si è detto poco o nulla. Gli incontri si sono svolti in modo trasparente e franco. Abbiamo ragionato con le delegazioni dei partiti di profilo, di requisiti. E c’è stato chi ha posto più la questione della figura di garanzia costituzionale, chi la necessità del profilo internazionale. Comunque da parte di tutti la richiesta è che sia una figura riconosciuta di alto profilo».

E’ vero che Renzi vuole un politico e ha escluso un tecnico?

«No, noi non abbiamo fatto una riflessione di questo tipo».

Come mai un’altra altra assemblea con deputati e senatori dem prima di quella di domani dei Grandi Elettori?

«Perché nessuno nel Pd si senta escluso da questo percorso. Quindi apertura aigruppi e direzione permanente».

Poi però a scegliere sarà Renzi?

«L’apprezzamento che c’è stato è proprio perché il coinvolgimento e l’inclusione ci sono davvero. E per alcuni è stato inaspettato».

Sabato l’elezione e domenica tutti a casa a riposarsi?

«Stiamo lavorando per questo e ci sono tutte le condizioni perché avvenga».

Tra di voi, nella segreteria Pd, avete scommesso?

«Ciascuno di noi ha maggiori affinità con uno o con un altro nome, ma stiamo lavorando sulla cornice. E nessuno fa scommesse».

Foto pubblicata su nanopress.it

Segnala questo post anche su:

Leave a Reply

Prossimi appuntamenti

Clicca su Agenda per visualizzare il calendario completo