Newsletter #4

Carissime e carissimi,

l’ondata di maltempo che ha colpito da nord a sud il nostro Paese nelle ultime settimane è stata devastante e purtroppo ha provocato diverse vittime e feriti, oltre ai danni ambientali.
Interi territori distrutti, paesi rimasti isolati e senza corrente elettrica. Solidarietà va a chi è stato colpito, al dolore di chi ha perso i cari e al coraggio di chi si è messo subito all’opera. Un ringraziamento va ai soccorritori, dai Vigili del Fuoco, ai gruppi locali e ai volontari della Protezione civile, che hanno tratto in salvo molte persone e messo in sicurezza territori, ai tecnici che anche in queste ore lavorano al ripristino delle infrastrutture viarie.

Ambiente: l’assurda chiusura di CasaItalia
Disastri ambientali come quelli accaduti in questi giorni sono sempre meno “straordinari”: da un lato sono collegati al cambiamento climatico in corso, ma molto va addebitato a un uso selvaggio del nostro suolo e alla mancata manutenzione di corsi d’acqua e zone montane. Ecco perché il precedente Governo aveva istituito il Dipartimento “Casa Italia”, una struttura preposta al monitoraggio e promozione della sicurezza del Paese in casi di rischio ambientale, alla cura e alla valorizzazione del territorio, delle aree urbane e del patrimonio abitativo. Erano già stati individuati ben 9760 interventi per un valore totale di 27 miliardi di euro, con le risorse già destinate.

Ma il primo atto di questo #governodelcambiamentoinnegativo è stato proprio la chiusura di questa unità di missione, con una furia distruttrice che è arrivata al punto di rifiutare i finanziamenti europei.
Il condono invisibile
Ben nascosto in un articolo del DL per Genova i furbi Vicepresidenti del Consiglio dei Ministri Salvini e Di Maio hanno inserito il più grande condono edilizio della storia del nostro Paese. L’ha fatto la Lega di Salvini, il partito che nel 2003 diceva che “il condono è immorale’.
Tra l’altro, temendo problemi in aula, il duo Salvini – Di Maio si è cautelato ponendo la fiducia su questo decreto.
Ovviamente, quando la fiducia la poneva il Governo di centrosinistra, dai banchi dell’opposizione la senatrice Taverna balzava in piedi urlando alla dittatura. Perché solo loro hanno l’investitura popolare, solo loro sono portatori della Verità, e quindi hanno sempre ragione. Come si diceva di un presidente del Consiglio italiano, in carica fino al 1943.
Amianto: l’impegno continua in commissione e in Aula
Sto continuando ad occuparmi della problematica dei lavoratori esposti all’amianto. Oltre alla risoluzione presentata a luglio (http://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=7/00010&ramo=CAMERA&leg=18), nelle scorse settimane ho depositato due proposte di legge

– “Rideterminazione della prestazione assistenziale in favore dei malati di mesotelioma di origine non professionale o degli eredi per gli anni 2019 e 2020 nonché integrazione delle prestazioni erogate negli anni dal 2015 al 2018” (1296)
http://www.camera.it/leg18/126?tab=1&leg=18&idDocumento=1296&sede=&tipo=;
– “Disposizioni concernenti i benefìci previdenziali in favore dei lavoratori che sono stati esposti all’amianto e i termini per l’accesso ai medesimi benefìci” (1297)
http://www.camera.it/leg18/126?tab=&leg=18&idDocumento=1297&sede=&tipo=​.

4 Novembre: un messaggio di Pace dal presidente Mattarella

Il 4 novembre scorso abbiamo celebrato i 100 anni dalla fine della Grande Guerra.

Nel giorno dell’Unità nazionale e delle Forze armate, siamo stati a Trieste accanto al Capo dello Stato, che ha pronunciato un messaggio di pace e di speranza, ricordando gli umili e i coraggiosi, i soldati, le donne e anche il contributo dei volontari ebrei, protagonisti di una missione collettiva che ha portato alla Vittoria. L’Unità del Paese rimane un bene che le Istituzioni devono sempre custodire e mai permettere sia incrinato da interessi di parte.

Qui potete riascoltare e rivedere il discorso del nostro Presidente:

https://www.quirinale.it/elementi/18659

Il giorno prima, sempre a Trieste, i neofascisti di CasaPound avevano organizzato una manifestazione nazionale per celebrare a modo loro – così recitava il loro comunicato – la vittoria.
Tutte le forze democratiche si sono espresse contro questa parata neofascista, e il corteo che ha sfilato pacificamente attraverso le vie di Trieste ha testimoniato che la destra intollerante non è padrona della piazza e non diventerà padrona delle nostre vite. Dietro lo striscione del Partito democratico, assieme a tanti militanti, ho testimoniato l’adesione ai valori della nostra Repubblica.

Il pensiero di novembre: grazie Sami

Il pensiero di questo mese lo dedico a Sami Modiano e Tatana Bucci, due deportati che ci hanno accompagnato durante viaggio della memoria fatto nel campi di concentramento di Auschwitz e Birkenau per rendere omaggio alle vittime della Shoah.

Ascoltare in prima persona i racconti sofferti di due vittime dell’orrore nazista è stata un’esperienza molto coinvolgente e dolorosa. Voglio ringraziarli per la grande lezione di vita che ci hanno dato, facendo del loro corpo e del loro cuore pietre d’inciampo viventi, che scuotono le nostre coscienze e ci obbligano a confrontarci con il male, quello passato e quello che tenta di risorgere. Educare ai valori della pace e della tolleranza è un compito da cui non possiamo abdicare, se davero vogliamo che ciò che è accaduto non si ripeta mai più.

La testimonianza di Sami:
https://www.facebook.com/serracchiani/videos/887516141451548/

La testimonianza di Tati:
https://www.facebook.com/serracchiani/videos/485092875344183/

Vi ringrazio per i messaggi di affetto e di stima, per gli spunti, gli stimoli e anche le critiche che mi state mandando in queste settimane. Come sempre provo a rispondere ai tanti messaggi, ma anche se talvolta non riesco a farlo compiutamente, sappiate che vi leggo sempre

Iscriviti alla newsletter